Android N arriverà senza la tecnologia di rilevamento della pressione 3D Touch

Logo AndroidL'iPhone 6s ha innovato con una funzionalità che fino ad allora non era arrivata in nessuno smartphone (tranne nell'Huawei Mate S lanciato poco prima), ovvero il rilevamento della pressione sullo schermo. Resta da stabilire se sarà davvero il futuro dei cellulari e se si tratta di qualcosa di veramente utile, ma sembra che non sarà una feature che sarà presente al lancio della nuova versione del sistema operativo Android N .

Esistono già cellulari con questa tecnologia

Ci sono telefoni Android che hanno già una tecnologia di rilevamento della pressione simile al 3D Touch dell'iPhone. L'Huawei Mate S è uno di quei casi, ad esempio, ed è stato lanciato anche prima del cellulare di Apple. Ma ci sono più casi. Anche Meizu ha la sua tecnologia, mPress. Per tutto questo abbiamo creduto e ci è sembrato chiaro che Android N, la nuova versione del sistema operativo che verrà lanciata quest'estate, avrebbe avuto una tecnologia simile per il rilevamento della pressione sullo schermo. Questa tecnologia farebbe effettivamente parte di un'API che i produttori potrebbero utilizzare, essendo comune per tutti i telefoni Android, e Google sarebbe quello che offrirebbe questa tecnologia ai produttori, il che farebbe loro risparmiare molto lavoro e garantirebbe la qualità del detta tecnologia era prevista.

Logo Android

Tuttavia, sembra che finalmente Android N non arriverà quando verrà lanciato con questa tecnologia. Almeno questo è quello che ci dicono le ultime informazioni. Si ritiene che in futuro potrebbe ricevere un aggiornamento che includa tale tecnologia. In altre parole, non dovremmo aspettare un altro anno per una nuova versione, ma sarebbe già stato lanciato un aggiornamento di manutenzione che aggiungerebbe quella funzionalità. In ogni caso, non è una grande notizia per Android, né per i produttori, che dovranno decidere cosa fare, se continuare a lavorare sulle proprie tecnologie, per integrare successivamente quelle di Google, o se rinunciare direttamente a tale tecnologia fino a quando Google non la integrerà. nativamente in Android. Nel frattempo, l'iPhone 7 sta già preparando il suo lancio per la seconda metà di quest'anno. Senza dubbio, un problema sia per il sistema operativo che per i produttori.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.