HTC One V potrebbe uscire anche nei colori nero e viola

HTC prepara tutta la sua linea di tiri per questo Año 2012 che inizierà il mese prossimo. Tra quella linea, è il HTC One V, il cellulare più semplice che l'azienda lancerà all'interno della famiglia One. La novità è che, sebbene nel MWC 2012 È stato presentato solo in grigio, potrebbe essere rilasciato anche nei colori viola e nero, come si è visto da alcune immagini. A quanto pare, l'unica cosa che si sa è che sono versioni destinate Europa, senza dati sul fatto che lasceranno il nostro continente e raggiungeranno altre parti del mondo.

Dall'aspetto dei cellulari nelle immagini, non sembra essere un montaggio. I riflessi della luce sulla parte superiore del cellulare suggeriscono che si tratti di due immagini diverse. Se fosse una manipolazione e solo il colore fosse stato modificato, l'area dello schermo e la parte superiore del cellulare sarebbero le stesse in entrambe le fotografie. Tuttavia, può anche essere una configurazione molto ordinata.

Ma non manca niente che HTC ha scelto di avviare il dispositivo in tre diversi colori. Quasi tutte le aziende stanno lanciando i loro dispositivi di fascia bassa con disegni molto attraenti, questo è il caso di LG Optimus L3 ispirato al precedente Prada, e il Samsung Galaxy mini 2 con dorso giallo. Poiché il cellulare non è al livello di altri di fascia alta, è normale che le aziende cerchino di attirare acquirenti con altre opzioni, come offrire il dispositivo in diversi colori.

El HTC One V sarà dotato di un microprocessore single core correndo verso 1 GHz con uno 512 GB di RAM e una memoria interna di 4 GB, espandibile tramite microSD. Verrà avviato con un display WQGA di 3,7 pulgadas e una fotocamera da 5 megapixel in grado di registrare a 720p. Includerà il sistema audio Beats Audio, 4.0 Android Ice Cream Sandwich come sistema operativo e la nuova interfaccia Sense 4.0 di HTC. Il cellulare sarà in vendita durante il prossimo mese di Aprile per un prezzo ancora sconosciuto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.