I 4 produttori di cellulari cinesi che vendono più smartphone

Meizu metalloÈ molto probabile che tu conosca marchi come Xiaomi, Oppo, Huawei o Meizu. In tutti e quattro i casi stiamo parlando di produttori di cellulari cinesi. Ma quale di loro vende più smartphone all'anno? Le unità vendute da ciascuno di questi produttori sono sorprendenti. Ora sono marchi veramente rilevanti nel mercato.

Huawei il best seller

Sapevamo già qual era l'azienda che vendeva di più. Huawei supera tutti gli altri produttori di telefoni cellulari cinesi ed è già il terzo produttore di telefoni cellulari che vende la maggior parte degli smartphone, dopo solo Samsung e Apple. Huawei ha venduto non più e non meno di 108 milioni di smartphone nel 2015, cifre che non erano nemmeno previste, perché ciò significava superare Xiaomi, un'azienda che è rimasta come la seconda tra i produttori di telefoni cellulari cinesi che la maggior parte delle unità ha venduto, con circa 70 milioni cellulari. Tuttavia, i dati di Xiaomi non sono così positivi, perché le aspettative dell'azienda erano più alte.

Meizu metallo

Con altre due società, Oppo e Meizu, accade esattamente l'opposto. Entrambe le società hanno raggiunto cifre di vendita che dimostrano che i loro smartphone sono buone opzioni per chi desidera smartphone con un buon rapporto qualità/prezzo. In questo caso Oppo ha venduto anche più di Meizu, avendo raggiunto i 50 milioni di smartphone, cifra molto rilevante se si tiene conto che Xiaomi ha venduto “solo” 70 milioni di smartphone. Meizu ha venduto meno smartphone delle altre tre aziende, ma è comunque una cosa da evidenziare, visto che non si tratta di un'azienda come Elephone o Ulefone, ma di un'azienda che vende già un numero considerevole di cellulari, arrivando a quota 20 milioni di smartphone una vendita, e un grande vantaggio rispetto a Xiaomi, e cioè che pur avendo smartphone con un rapporto qualità/prezzo simile, i loro telefoni sono già ufficialmente commercializzati in Europa.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.