Vivo sviluppa un riconoscimento facciale 3D sotto lo schermo

Vivo si aggiornerà ad Android 9 PieVivo si sta distinguendo come una delle aziende più innovative degli ultimi mesi. Dopo il suo innovativo sensore di impronte digitali sotto lo schermo e il lancio del Vivo Nex S, ora al lavoro su un avanzato riconoscimento facciale 3D i cui sensori sono sotto lo schermo.

Vivo funziona su un riconoscimento facciale 3D con i sensori sotto lo schermo

Vivo si posiziona come una delle aziende più innovative del momento. Dopo il sensore di impronte digitali sotto lo schermo e la fotocamera a scomparsa del Vivo Nex S, è tempo di scoprire come intendono migliorare i sensori per il riconoscimento facciale. L'azienda cinese si è messa al lavoro ed è giunta alla conclusione che il metodo migliore sarà lo stesso del lettore di impronte digitali: posizionare lo scanner facciale sotto lo schermo.

Il problema principale è competere con il Face ID di Apple senza ricorrere alle stesse tecniche del resto dei produttori. Tra gli obiettivi di Vivo si trovano a realizzare un sensore più piccolo che occupa meno spazio; un sensore valido per i pagamenti mobili; un sensore che rileva il viso a una distanza maggiore rispetto ai suoi rivali ed è anche di qualità superiore. E tutto questo, come indicato nella seguente immagine filtrata, sotto lo schermo. Considerando lo sfondo, probabilmente implica che funzionerebbe solo su display OLED.

Riconoscimento facciale 3D in tempo reale

Due opzioni per il futuro dei cellulari senza cornice: rinnovare la tecnologia o morire con il notch

Vivo Si sta guadagnando un buon nome perché scommette su nuove tecnologie per il futuro a medio e lungo termine del settore smartphone. Tutte le aziende vogliono scommettere su dispositivi senza frame la cui parte anteriore è tutto schermo, ma la maggior parte si accontenta di utilizzare un notch e non apporta nulla di nuovo. Vivo è alla ricerca di nuove soluzioni ai problemi attuali e questo potrebbe consentirgli di guadagnarsi un grande nome.

Non è l'unico, dal momento che abbiamo visto di recente come il Oppo Trova X Ha fornito la sua soluzione: un pannello scorrevole che nasconde i sensori e le fotocamere e che si apre solo per sbloccare il telefono o scattare una foto, un processo che richiede 0 secondi. Due giorni diversi ma che dimostrano un'autentica innovazione da parte delle due aziende cinesi, che va ricordato che sono "sorelle", essendo sotto la protezione di BBK Electronics.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.