Samsung mostra un Galaxy Note con Ice Cream Sandwich sul suo Facebook

Questa volta un'immagine vale più di mille parole. La pagina ufficiale di Samsung negli Stati Uniti si apre oggi con una fotografia del suo Galaxy Note ma con indosso Ice Cream Sandwich. Non spiegano altro, ma a meno che non si tratti di un errore grossolano (e in questo di solito non ci sono fallimenti se non marketing), siamo davanti al preludio che questo ibrido tra tablet e smartphone possa finalmente avere il meglio di Android 4.0.x.

Il primo ad accorgersene è stato un netizen americano che ha subito messo in pista la gente di Engadget. Samsung ha aggiornato il album di foto dal tuo Facebook nelle ultime ore e ora appare un intero Galaxy Note. Ma chi ce l'ha vedrà subito che la sua interfaccia è diversa. Non è quello che viene fornito di serie con il tuo Gingerbread Android 2.3. Non è nemmeno la versione successiva, Honeycomb, ma piuttosto Ice Cream Sandwich.

Samsung ha annunciato lo scorso dicembre che i suoi dispositivi migliori e più recenti avrebbero ricevuto il tanto atteso aggiornamento ad Android 4.0.x nei primi tre mesi di quest'anno. Marzo sta per finire, e solo il Galaxy S2 viene aggiornato. E il processo è molto recente, è iniziato pochi giorni fa.

Tuttavia, quando è stato annunciato l'aggiornamento del Galaxy S2, è stata data anche la cattiva notizia che I possessori di Galaxy Note dovrebbero aspettare il secondo trimestre. L'aspetto di questa fotografia potrebbe indicare che sì, sarà nei prossimi tre mesi, ma che può iniziare nei primi giorni di aprile. Come abbiamo già in Guida di Android, la versione ICS per Galaxy Note potrebbe avere dei miglioramenti.

L'inizio del processo potrebbe abbassare i nervi e anche la rabbia tra molti degli utenti che, con terminali predisposti per avere Ice Cream Sandwich, possono arrivare a vedere come si presenta la loro sostituzione, Android 5.0 Jelly Bean quando sono ancora in attesa del versione precedente. Lo scopriremo presto, magari ancora su Facebook.

Via Engadget


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.