Sarebbe vero che Sony lancerà i propri processori?

logo XperiaLa tendenza nel mercato dei processori sta cambiando, molto. Sembrano essere dimenticati i tempi in cui i maggiori produttori utilizzavano esclusivamente SoC di aziende come Qualcomm. Pertanto, cercano di avere un maggiore controllo quando lanciano i loro telefoni e tablet, come dimostrato da produttori come Samsung con il tuo Exynos. Beh, sembra che Sony puoi fare lo stesso percorso

E questa sarebbe una notizia molto importante, dal momento che l'azienda giapponese con questo movimento garantisce una maggiore indipendenza da terzi, è importante poiché permetterebbe prevenire i problemi come quelli che si sono verificati con lo Snapdragon 810 e il suo surriscaldamento (e questo sarebbe esattamente ciò che avrebbe portato Sony a prendere la decisione di progettare i propri processori).

Certo, il modo di lavorare sarebbe più simile a quello di Huawei e dei suoi Kirin, dal momento che non cercherebbe di avere le proprie linee di assemblaggio e assemblaggio, e i produttori di chip già esistenti sono stati utilizzati per ottenere i loro prodotti con le particolarità che avevano -e che sarebbero state adattate per migliorare le sezioni chiave per Sony-. Se ciò accade, stiamo parlando di una decisione simile a quella di LG che ha già compiuto il passo ed è in via di sviluppo. E, per estensione, sarebbe una pessima notizia per Qualcomm, visto che vedrebbe ridimensionarsi ancora una volta il proprio mercato (non bisogna dimenticare la sottrazione che ne fa costantemente MediaTek).

Nuovo Sony Xperia Z3 + telefono

Date possibili

Le prime unità prodotte da Sony arriverebbero nel Año 2016, ma il suo sbarco definitivo sul mercato nei modelli più in vista dell'azienda avverrebbe nel 2017 (inizialmente i test sarebbero stati effettuati su dispositivi più piccoli). Queste date sono logiche, poiché la creazione di processori non è una cosa semplice e, quindi, è necessario un processo attento per ottenere componenti affidabili. Ma l'intenzione è quella che conta, poiché dimostra che Sony continua a scommettere sui dispositivi mobili -come abbiamo già fatto notare con la costruzione di un nuova fabbrica-.

Secondo informazioni che si hanno, la società avrebbe già ottenuto un gruppo di sviluppatori per creare i propri chip, quindi il lavoro sarebbe iniziato. Resta da vedere se riuscirà a raggiungere rapidamente i suoi concorrenti, anche se ciò potrebbe richiedere del tempo. Ma la verità è che l'evoluzione indipendente ha molti aspetti positivi, come un maggiore controllo delle prestazioni o della potenza gestire meglio i costi produzione.

edificio Sony

Un'intera tendenza

Il fatto è che il mercato dei processori sta cambiando, ed è molto chiaro che, come mostra l'intenzione di Sony, i grandi produttori vogliono ottenere un maggiore controllo di ciò che fanno, ma mantenendo sempre la piena compatibilità con le architetture attuali e, per estensione, con Android . Quindi sembra che ARM È uno dei grandi beneficiari, poiché la sua attività di licenziatario si diversifica.

Al contrario, aziende come Qualcomm potrebbero subire una battuta d'arresto nelle loro vendite se ciò fosse confermato, poiché la concorrenza è in aumento e gli acquisti dei loro processori si ridurrebbero a poco a poco. Pertanto, la speranza per questo produttore è di mantenere il livello di fornitura agli assemblatori asiatici e che il capacità produttiva dei "grandi" non è molto potente e, quindi, ha bisogno del tuo aiuto. Cosa ne pensate della possibile decisione di Sony?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.