Amazon potrebbe sfondare il mercato con un rivale di Spotify da 5 euro al mese

salta gli annunci Spotify gratisSpotify, Apple Music, Google Play Music, sono già tante le piattaforme musicali disponibili. Quei tre sono i più familiari, ma ce ne sono altri, lanciati prima, dopo, con una qualità superiore, più costosi ... Anche se quasi tutti hanno qualcosa in comune, il loro prezzo di 10 euro al mese. Amazon potrebbe porre fine a questo lanciando una variante del suo servizio di musica in streaming a 5 euro al mese, sfondando così il mercato.

Amazon

Quando una grande azienda arriva e lancia un servizio che fa breccia nel mercato, aspettati un terremoto che porti tutte le altre aziende a seguire le loro orme e a copiare prezzi e strategie. Sarebbe molto utile per gli utenti. Anche se dobbiamo analizzare bene ciò che Amazon solleva per vedere se siamo interessati o meno. In realtà, le indiscrezioni ci dicono che il servizio musicale di Amazon sarebbe come Spotify, anche se costerebbe circa 5 dollari al mese, e avrebbe una caratteristica fondamentale, ovvero che potrebbe essere utilizzato solo con i propri dispositivi. Partiamo dal presupposto che quest'ultimo si riferisce ai tuoi altoparlanti intelligenti, ai tuoi tablet, ecc. Un buon modo per incoraggiare l'acquisto di uno dei tuoi dispositivi.

Spotify Premium

Inizia la guerra dei prezzi, e dove ci porterebbe?

Se Amazon fa questo, cosa che può fare a causa dell'alto livello dell'azienda, del suo potere contrattuale e della possibilità di permettersi di perdere anche soldi, Apple, Spotify e Google sarebbero costretti a replicare qualcosa di simile. I tuoi servizi potrebbero essere ridotti di prezzo in cambio di essere utilizzati solo sui tuoi dispositivi. Ciò è possibile, ad esempio, nel caso di Apple Music e Google Play Music. In un caso poteva essere utilizzato solo su iPhone e nel secondo solo su Android. Supponiamo che un utente Apple possa dimezzare il costo di Apple Music se tutti i suoi dispositivi sono Apple. Quando si tratta di rinnovare il tuo cellulare o tablet, se questi sono Android, non prenderesti in considerazione l'acquisto di uno da Apple? Il contrario è lo stesso. Se un utente che ha un cellulare Android e un iPad, e ha Google Play Music, sa che può dimezzare il prezzo se ha entrambi lo stesso sistema operativo, non acquisterà un tablet Android?

Apple vorrebbe quella strategia, senza dubbio, è molto nello stile dell'azienda. Non va così tanto con Google, anche se potrebbe rispondere ad Apple con qualcosa di simile.

Il grosso problema sarebbe arrivato per Spotify. La società ha già difficoltà a ricevere pressioni da Apple e dalle case discografiche, che sono incoraggiate dalla società Apple a cercare di convincere Spotify a chiudere il suo servizio gratuito. Ha complicato le cose con il suo piano familiare, che ha dovuto adattare ai prezzi di Apple. E un nuovo concorrente che dimezzasse il prezzo gli renderebbe la vita molto difficile. Principalmente perché Spotify non poteva copiare queste società. Non ha tablet o cellulari sul mercato, né altoparlanti. Sono poco più di un servizio o una piattaforma disponibile su molti dispositivi.

L'esperienza, sì, ci dice che Spotify è già sopravvissuto a molti attacchi dei suoi rivali. Apple Music è stata una delle più forti, ma la verità è che Spotify non solo è sopravvissuto, ma ha vissuto tempi in cui altri concorrenti si sono arresi e hanno accettato che Spotify avesse raggiunto il successo. È il caso di PlayStation Music, la piattaforma musicale di Sony, che alla fine ha rinunciato alla propria piattaforma per integrare Spotify nelle proprie console video.

Essendo obiettivi, una guerra dei prezzi non danneggerebbe noi utenti. Forse sì all'industria musicale, che a sua volta potrebbe avere conseguenze negative a lungo termine anche per gli utenti. Senza un'industria musicale, non c'è musica da ascoltare. Probabilmente le nuove generazioni di musicisti finirebbero per adattarsi, è anche vero. Tuttavia, quelli di noi che sono ancora utenti di Spotify non sarebbero felici di dover cambiare piattaforma semplicemente perché complicano la vita di Spotify. Anche così, va detto che tutte le piattaforme sono molto simili, e che un passaggio da una all'altra non provocherebbe un grande sconvolgimento per ogni utente. Quello con più da perdere qui, come sempre, è quello con più utenti. E ancora, Spotify è di nuovo in pericolo. Vedremo, sì, se Amazon otterrà ciò che vuole, se quel servizio arriverà al di fuori degli Stati Uniti, o se finalmente, ancora una volta, Spotify otterrà la medaglia d'oro come piattaforma di musica in streaming.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento

  1.   FREDDO suddetto

    Espotify è il migliore, nessuno è paragonabile ad esso ...