Cos'è SMSC ea cosa serve?

La messaggistica sui telefoni cellulari è cambiata notevolmente nel corso degli anni. Per anni, gli SMS sono stati il ​​modo per entrare rapidamente in contatto con altre persone. Messaggi che potremmo inviare con pochi soldi, o addirittura gratuitamente in alcuni casi, ma che hanno lasciato il posto ad altre opzioni, come le applicazioni di messaggistica istantanea (WhatsApp, Telegram o Signal, per esempio).

Ciò ha comportato la perdita di una fonte di reddito da parte degli operatori. Nonostante i loro tentativi di far rivivere questi messaggi, gli utenti continuano a fare affidamento su app come WhatsApp, che sono più veloci e offrono molte più opzioni. Sebbene i messaggi SMS siano ancora utilizzati, che funzionano tramite SMSC. Cos'è SMSC? Di seguito ti parleremo di questo concetto e della sua importanza, nonché dei limiti degli SMS, che hanno contribuito a questo calo del suo utilizzo.

Dato che nel giro di pochi anni gli SMS sono passati dall'essere la principale forma di comunicazione immediata ad essere qualcosa che ha un uso residuale in tutto il mondo. Nonostante gli operatori e Google stiano cercando da tempo di farli rivivere, anche con la loro nuova tecnologia, che potrebbe suonarvi familiare.

Cos'è SMSC e come funziona?

Cos'è SMSC?

Come puoi immaginare quando ti chiedi cosa sia SMSC, ci troviamo di fronte a un acronimo. SMSC sta per Short Message Service Center., che se tradotto in spagnolo significa Short Message Service Center. Questo è il centro nevralgico degli sms. La sua funzione è quella di inviare e ricevere quei messaggi di testo, i messaggi SMS. Sono incaricati di distribuire questi messaggi tra i dispositivi.

Il lavoro di questo centro è quindi di grande importanza. Poiché SMSC riceve i messaggi di testo che i mittenti hanno inviato e li lascia passare prima che raggiungano il destinatario finale. Vale a dire, funzionano come se fosse un server, che è responsabile della distribuzione di tali messaggi di testo. Inoltre, lo fanno indipendentemente dal numero a cui vengono inviati o dall'operatore a cui appartengono. Prima di inviare quel messaggio, questo centro scoprirà se il dispositivo destinatario ha copertura in quel momento (segnale mobile), in modo che possa ricevere quel messaggio. Se non lo hai, aspetterà fino a quando non dovrai inviare il messaggio.

Nei casi in cui il destinatario ha copertura, quel messaggio di testo arriverà immediatamente sul telefono. Nel caso opposto, se in quel momento non sei connesso alla rete, questo messaggio verrà memorizzato per un po', finché il telefono non si connette nuovamente alla rete. Il tempo in cui tale messaggio viene memorizzato è alquanto variabile, in gran parte a seconda degli operatori. Ma se passa troppo tempo (o più tempo di quello stabilito dall'operatore in questione) il messaggio dovrà essere inviato nuovamente, perché il primo tentativo è fallito.

L'SMSC ha quindi il compito di garantire che questi messaggi raggiungano la loro destinazione.. Se noi utenti vogliamo che un messaggio di testo che inviamo venga recapitato, dobbiamo avere una funzione attivata sul telefono. Nelle opzioni di configurazione SMS dobbiamo attivare il messaggio di consegna/ricezione. Sebbene questa sia un'opzione che non confermerà se quella persona ha ricevuto il messaggio, cosa che non è possibile nei messaggi SMS, come nelle app di messaggistica istantanea.

sms

sms

Gli SMS sono messaggi di testo che ci accompagnano da molti anni. SMS è l'acronimo di (Short Message Service), che possiamo tradurre come servizio di messaggi brevi. L'idea alla base di questi messaggi è di mantenerli brevi, di mantenerli brevi. Questo diventa chiaro se ne teniamo conto il numero massimo di caratteri al loro interno è 160. Quindi abbiamo un chiaro limite quando scriviamo un messaggio di testo, perché non deve superare quel numero.

messaggi di testo, può contenere un massimo di 140 byte (non personaggi). Questo è qualcosa di importante, perché a seconda del tipo di caratteri utilizzati, il massimo consentito varia. Invece di quei 160 che abbiamo citato, può darsi che in alcuni casi rimanga a 70 caratteri. Questa è una limitazione ancora più notevole per molti.

Per il limite massimo di 160 caratteri, viene utilizzata la codifica dei caratteri a 7 bit, che è la codifica appropriata per l'utilizzo con i caratteri latini. Tuttavia, se vengono utilizzati caratteri non latini, pensa ad alfabeti come cinese, giapponese, arabo o cirillico, quindi il numero massimo cambia. In questo caso, diventa 70 caratteri, come abbiamo accennato, quindi le opzioni disponibili quando si invia un SMS sono notevolmente limitate.

sms

In effetti, uno dei principali limiti della tecnologia SMS è quello la quantità di dati che può trasportare è molto limitata. Una soluzione che veniva applicata ai suoi tempi era il cosiddetto SMS lungo, che potrebbe suonare familiare a molti di voi. L'idea era che il mittente di quel messaggio sarebbe stato in grado di scrivere qualsiasi cosa volesse dire nel suo messaggio di testo, indipendentemente dal fatto che il messaggio fosse più lungo di 160 caratteri. Una volta che il messaggio è pronto, fai clic su invia e il dispositivo si occupa quindi di contare quei caratteri e se sono più di 160, il messaggio verrà suddiviso in blocchi, in più spedizioni. Tuttavia, il destinatario riceverà un solo messaggio, in cui si trovano tutti gli SMS che il mittente ha precedentemente creato e inviato.

Un'altra chiara limitazione è che in un messaggio di testo possiamo inviare solo quello, testo. Non è possibile aggiungere altri contenuti, come contenuti multimediali (foto, video) o altri tipi di file su di essi. Ecco perché EMS è stato introdotto come soluzione. EMS sta per Enhanced Messaging Service, anche se alcuni operatori lo hanno battezzato come MMS, che è il nome che suonerà familiare alla maggior parte degli utenti in Spagna. Si tratta di una sorta di estensione degli SMS, in cui era consentito aggiungere foto, oltre a modificare la lettera, ad esempio renderla in grassetto.

Nonostante i tentativi, questi EMS o MMS non sono mai stati particolarmente popolari a livello globale. Uno dei problemi che incontravano ai loro tempi era il loro alto prezzo di spedizione, che faceva sì che molti utenti non li inviassero, poiché a quel tempo, quando era comune avere una tariffa prepagata, significava una spesa eccessiva per gli utenti. Il suo utilizzo era residuo per anni e poco a poco stavano scomparendo dal mercato, prima dell'avanzare di altre alternative.

RCS in sostituzione degli SMS

RCSGoogle

Da anni l'uso degli SMS è notevolmente diminuito. Il progresso delle applicazioni di messaggistica istantanea come WhatsApp ha fatto sì che gli utenti scommettessero su questo tipo di app. Sono gratuiti e puoi inviare messaggi e ottenere una risposta immediata, oltre a poter inviare tutti i tipi di file al loro interno. Detto questo, Google ha deciso qualche tempo fa di sviluppare una tecnologia per competere con queste applicazioni.

Questa tecnologia è RCS, un acronimo che potrebbe suonarvi familiare. RCS sta per Rich Communication Service., servizio di comunicazione arricchito. È una tecnologia che Google sta sviluppando dal 2016 e che è vista come una sorta di evoluzione degli SMS, anche se funzioneranno in modo leggermente diverso. Questa tecnologia consente agli utenti di inviare qualsiasi tipo di contenuto (testo, immagini, video...) tramite l'operatore, senza dipendere da un'applicazione o da una connessione Internet per essa. Un'opzione con cui competere con quelle app di messaggistica che dipendono da una connessione Internet.

Questa tecnologia è già stata lanciata in molti mercati. Google ha collaborato negli anni con molti brand e operatori, ma alla fine non hanno voluto aspettare che altri si mettessero d'accordo e l'hanno già ufficializzato in molti paesi. È una tecnologia integrata nella sua app, Google Messaggi, un'app che milioni di utenti hanno installato sui loro telefoni Android. Pertanto, è accessibile a molti utenti nel sistema operativo, in quanto è un'app già disponibile sui telefoni.

Ciò evita di dover installare app di terze parti su inviare un messaggio in cui sono presenti sia un testo che un file. Inoltre, l'invio non dipenderà da una connessione Internet, quindi gli utenti di tutto il mondo potranno utilizzare questa tecnologia grazie ad essa. Nonostante i tanti tentativi di Google, al momento non è il naturale sostituto degli SMS, né è un competitor di app di messaggistica istantanea come WhatsApp o Telegram.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

bool (vero)