Licenza DRM su Android: cos'è e cosa significa per l'utente

Licenza DRM su Android

Le licenze DRM esistono da molti anni, ma rimangono un concetto sconosciuto a molti. Inoltre, si deve anche tenere conto di ciò C'è una licenza DRM su Android, quindi è qualcosa che riguarda anche gli utenti del sistema operativo Google. Nonostante ciò, molti non sanno cosa significhi questo concetto o come li influenzi.

È per questo motivo che ve lo diremo di seguito tutto ciò che devi sapere su questa licenza DRM su Android. Da cos'è e a cosa serve, alle implicazioni che può avere per gli utenti con dispositivi Android. Se hai domande su questo concetto, speriamo che in questo modo venga risolto.

Ti parleremo prima della tecnologia DRM e delle sue licenze, qualcosa presente da anni. Grazie a questo, puoi saperne di più sull'uso o sulle applicazioni di questa tecnologia nel settore in generale, prima che facesse finalmente il suo ingresso in Android qualche anno fa. Una volta che ne sapremo di più su questa tecnologia, sarai anche in grado di vedere come è stata applicata in Android. Poiché lo scopo del suo utilizzo in Android, sebbene sia stato controverso, è diverso dal modo in cui viene utilizzato nell'industria dei contenuti in generale. Quindi prendere in considerazione queste differenze diventa necessario per gli utenti.

Licenze DRM

Licenza DRM

DRM sta per (Digital Rights Management), che in spagnolo si traduce come amministrazione dei diritti digitali. Questo è un concetto che è sempre stato controverso con l'utente finale. Le licenze DRM non sono qualcosa di esclusivo di un sistema operativo come Android, in quanto sono qualcosa che può essere visto anche in altre aree. In effetti, sono qualcosa che sono stati lanciati prima in altri campi prima che raggiungessero Android e le sue app e giochi.

DRM è una tecnologia che cerca impedire determinati contenuti con diritti l'autore potrà copiare e condividere liberamente all'interno della comunità. In altre parole, si tratta sostanzialmente di software il cui scopo è combattere la pirateria su Internet. I contenuti a cui si riferisce possono essere molto vari, poiché possono essere dischi o musica in generale (singole canzoni), libri o film, tra gli altri.

Questo DRM è un modo in cui l'industria dei contenuti può garantire, per quanto possibile, che riceveranno il loro denaro o un compenso per i lavori che sono tuoi e che sono stati distribuiti nei media digitali. Sin dal suo inizio, è una tecnologia controversa, ma con il passare del tempo si è visto che il suo utilizzo si è chiaramente ampliato in più segmenti. In effetti, queste licenze DRM sono arrivate addirittura ad Android, anche se non senza polemiche.

L'arrivo della licenza DRM su Android

cambia paese google play

Nel 2018 Google ha annunciato l'introduzione di questo concetto, la licenza DRM su Android. La stessa azienda ha citato la sicurezza come motivo per cui sono state introdotte. Anche se questo annuncio è stato qualcosa che ha generato molte critiche da parte della comunità degli utenti. Dal momento che ci si chiedeva se il motivo dell'uso del DRM fosse davvero la sicurezza delle app, dei giochi o degli utenti stessi nel sistema operativo, nonostante le affermazioni di Google.

Google ha annunciato che grazie all'aggiunta di DRM in tutti gli APK distribuiti dal suo app store Google Play Store, potrebbe aiutare gli sviluppatori di applicazioni e giochi. L'argomento dell'azienda americana era che gli sviluppatori sarebbero in grado di raggiungere un pubblico più ampio grazie a questo. Inoltre, allo stesso tempo è possibile verificare l'autenticazione delle applicazioni non distribuite attraverso i canali ufficiali, cosa anche importante, nella lotta alle frodi. Ciò sarebbe possibile anche quando il telefono su cui è stata installata l'applicazione in questione non dispone di una connessione di rete.

A causa di questo cambiamento nella sua politica, l'idea era che le applicazioni che sono state distribuite offline, come nei paesi in cui le connessioni Internet sono instabili o cattive, possono avere accesso agli aggiornamenti ufficiali anche in formato OTA. Allo stesso modo in cui farebbe un'app che è stata ufficialmente scaricata, nell'app store e utilizzando una connessione Internet che funzioni correttamente.

A cosa servono le licenze DRM su Android?

app comparatore google play

L'introduzione delle licenze DRM in Android è stata alquanto controversa in tutto il mondo, perché fin dall'inizio l'argomento utilizzato dalla società è stato messo in discussione per l'introduzione degli stessi. È stato chiesto se la sicurezza fosse la ragione del suo utilizzo. Soprattutto perché questa tecnologia è stata controversa per un po' di tempo. C'erano davvero altri piani dietro queste licenze? Nel caso di Android non c'erano altri piani o intenzioni.

Le licenze DRM sono qualcosa incluso dagli sviluppatori di applicazioni Android con il scopo di ottenere alcuni vantaggi aggiuntivi, questo è vero, ma perché il suo sviluppo è protetto. La struttura di queste licenze ne consente l'utilizzo su Android. Queste licenze sono effettivamente incaricate di eseguire i termini di utilizzo stabiliti dagli sviluppatori delle applicazioni e dei giochi. Questi termini sono qualcosa che normalmente possiamo leggere nel Google Play Store, in modo che siano noti prima che l'app in questione venga scaricata su un dispositivo. La licenza DRM garantisce che questi termini vengano applicati sui telefoni Android su cui sono state scaricate queste applicazioni.

I dispositivi Android funzionano su una piattaforma dove i diritti di protezione sono garantiti di vari contenuti. Cioè, i diritti dei proprietari e/o dei creatori di questo contenuto sono protetti in ogni momento. Anche quelli delle società di media digitali sono protetti in questo caso. Inoltre, allo stesso tempo, questa struttura interagirà con un server di licenza per Android, poiché senza di essi sarebbe impossibile godere appieno dei prodotti che sono disponibili nell'application store, ad esempio.

Qualsiasi applicazione o gioco disponibile nel Google Play Store su Android potrà utilizzare le licenze DRM delle applicazioni. Sono quindi loro che definiscono i termini di utilizzo di questi strumenti, quindi consente agli sviluppatori di mantenere un certo controllo sui propri sviluppi (le proprie applicazioni e giochi), così come sui propri interessi. È un modo per evitare un uso improprio delle tue creazioni.

Queste licenze sono anche incaricate di rilevare qualsiasi manipolazione o modifica apportata su queste app. Fanno sapere agli sviluppatori se ciò accade, se ci sono state modifiche che non sono state consentite. Inoltre, possono quindi intervenire in tal senso, come la gestione di questi cambiamenti. Le licenze DRM assicurano che gli utenti paghino per le applicazioni, poiché sono qualcosa che si vede solo nelle app a pagamento nell'app store, non si vedono in quelle app o giochi che possono essere scaricati gratuitamente.

In che modo influenzano l'utente finale?

Licenze DRM Android

Sono passati quasi quattro anni da quando la licenza DRM è arrivata su dispositivi o app su Android. Uno dei principali dubbi sull'introduzione di questa tecnologia in Android era il modo in cui avrebbe influenzato l'utente finale. Gli sviluppatori di applicazioni vincono chiaramente in questo caso, poiché ottengono un canale di distribuzione affidabile, sapendo in ogni momento che i loro prodotti vengono lanciati in modo sicuro e che eventuali modifiche o manipolazioni verranno rilevate in ogni momento. Oltre a cercare di dare all'utente un po' più di tranquillità durante il download di app sul proprio smartphone. Dal momento che è noto che è in qualche modo più sicuro in questo modo.

Mentre gli utenti ottengono un po' più di libertà quando si tratta di accedere alle applicazioni sotto forma di APK al di fuori dell'Application Store. Oltre a poter installare l'APK con la stessa sicurezza. L'idea è che il DRM nelle applicazioni funge da garanzia durante il download sul dispositivo. Dal momento che anche quando abbiamo scaricato un'app o un gioco al di fuori dello store ufficiale di Android (il Google Play Store), l'app arriverà sul nostro dispositivo senza modifiche di terze parti. In questo modo ci assicuriamo di scaricare qualcosa di più sicuro, che non rappresenti un pericolo per il telefono o i nostri dati personali. Poiché se c'è una modifica che non possiamo vedere, ciò potrebbe rappresentare un rischio per l'utente, poiché all'app in questione potrebbe essere stato aggiunto del malware, ad esempio. Queste licenze cercano di farlo accadere in app e giochi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

bool (vero)