Asus ZenFone AR, il primo cellulare con Google Tango e Daydream

Asus ZenFone ARL'Asus ZenFone AR è stato confermato da Qualcomm ancor prima di essere presentato ufficialmente dall'azienda. Doveva essere lanciato al CES 2017. Doveva essere il secondo smartphone a supportare la piattaforma di realtà aumentata Google Tango dopo il Lenovo Phab 2 Pro. Tuttavia, Qualcomm ha confermato la sua esistenza prima della sua presentazione. Il cellulare avrebbe anche Daydream.

Asus ZenFone AR

A priori, come in ogni smartphone, ritroviamo le classiche caratteristiche tecniche di qualsiasi smartphone. E probabilmente potremo saperne di più su queste caratteristiche quando sarà presentato ufficialmente da Asus. Fondamentalmente, il cellulare non è stato presentato, sebbene sia ufficiale perché Qualcomm lo ha pubblicato sul suo sito Web. Lo smartphone utilizza un processore dell'azienda, ma non era ancora stato presentato. In ogni caso, ora conosciamo già alcuni dati a riguardo, i più rilevanti.

Asus ZenFone AR

Google Tango e Daydream

In primo luogo, lo smartphone si distingue per essere il secondo cellulare compatibile con la piattaforma Google Tango. Questo è qualcosa di veramente notevole, perché fino ad ora c'era un solo smartphone, il Lenovo Phab 2 Pro. Con questo cellulare, grazie a tutte le fotocamere di cui dispone, potremo visualizzare sul nostro schermo l'immagine che abbiamo davanti ma con modifiche. Ad esempio, possiamo vedere come apparirebbe il nostro muro se lo dipingiamo di un colore specifico, oppure possiamo decorare un'intera stanza della casa con i mobili. Il nome del cellulare, Asus ZenFone AR, conferma che sarà un cellulare dotato di realtà aumentata. Inoltre, le molteplici fotocamere e sensori di cui dispone lo confermano.

Tuttavia, non è l'unica cosa rilevante sui dispositivi mobili. E sembra che lo smartphone integrerebbe anche la compatibilità con Daydream, la piattaforma di realtà virtuale di Google. Con questa piattaforma possiamo utilizzare lo smartphone come un dispositivo di realtà virtuale.

Esistono già cellulari compatibili con la piattaforma Google Daydream, ma la cosa più notevole è che questo sarebbe il primo ad essere compatibile con entrambe le piattaforme, realtà aumentata e realtà virtuale. Credevamo che questo cellulare avrebbe impiegato del tempo per arrivare a causa delle parole di uno dei responsabili della divisione di realtà aumentata che ha commentato quando è stato lanciato il Lenovo Phab 2 Pro, il quale ha affermato che ci vorrà ancora del tempo per arrivare un cellulare che combina il due piattaforme, ma questo non è stato così, perché è stato con il secondo cellulare con Google Tango. Ad ogni modo, sarà presentato ufficialmente al CES 2017.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.