Secure Folder, l'app di sicurezza di Samsung, ora su Google Play

Cartella protettaSamsung ha lavorato a lungo per avere alcune delle sue applicazioni nel Google Play Store. Solo pochi giorni fa abbiamo visto come Samsung Internet maggiore compatibilità con altri cellulari che non erano del marchio e ora Secure Folder (Secure Folder), l'app di sicurezza di Samsung, è già su Google Play.

Cartella protetta

Finora, la cartella sicura di Samsung può essere ottenuto solo dal Galaxy App StoreIn origine era un'applicazione disponibile nel Galaxy Note 7. Ora qualsiasi utente di un telefono Samsung può scaricarlo direttamente dall'app store Android.

Secure Folder è un'applicazione lanciata sugli ultimi telefoni Samsung che ti permette di averele tue informazioni private al sicuro al telefono, in modo nascosto. Puoi avere file, applicazioni, immagini o note e per accedervi dovrai entrare con un metodo di verifica, sia esso una password, un codice PIN o tramite impronte digitali.

Cartella protetta

Proteggere le immagini che desideri o le applicazioni e nasconderle a chiunque possa accedere al tuo cellulare sarà molto semplice ora se possiedi un telefono Samsung compatibile con la Secure Folder del marchio. Tutto quello che devi fare è spostare i file nella cartella dallo stesso strumento qTi permette di "aggiungere file". Questo bloccherà l'accesso alle tue immagini, alle tue applicazioni o alle tue foto private.

Cartella protetta
Cartella protetta
Prezzo: Gratuito

Nascondi app su Samsung Galaxy S8

Non è l'unica opzione per nascondere le applicazioni da un telefono Samsung. Il nuovo Samsung Galaxy S8, ad esempio, ha una funzione che ti permette di nascondere le app per tutto il tempo che vuoi nel caso tu voglia nasconderlo da pettegolezzi o occhi indiscreti. Tutto quello che devi fare è andare nel cassetto delle applicazioni, aprire il menu e fare clic sulla sezione "nascondi app" nelle impostazioni. Apparirà un elenco con tutte le applicazioni e potrai selezionare quelle che vuoi nascondere.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.