Confronto: Google Pixel 3 XL e iPhone XS Max

Recentemente Google ci ha presentato, accanto al Google Pixel Slate y Google Home Hub i suoi nuovi modelli Google Pixel 3 e Pixel 3 XL. Tuttavia, non è passato un mese da allora Apple presenterà i suoi nuovi iPhone XS e XS Max.

Oggi effettueremo un comparativo tra questi due riferimenti di ciascun sistema operativo Android e iOS.

Design e visualizzazione

Se parliamo di schermo, il pannello che monta il iPhone è un OLED da 6,5 ​​pollici con risoluzione 2468 x 1242 con 458 dpi. Sottolinea che ha la famosa tacca sulla parte anteriore del dispositivo. Per quanto riguarda la sua costruzione, ha un design che fonde vetro (davanti e dietro) e acciaio (ai lati), che lo rende uno dei terminali più attraenti.

A sua volta, la Google Pixel 3 XL ha un pannello di Risoluzione OLED Quad HD+ da 6,3 pollici con 533 dpi. Il suo design alterna il vetro a metà della sua parte posteriore e l'alluminio nel resto del corpo.

Performance

In termini di potenza lorda, entrambi hanno abbastanza risorse da spostare le applicazioni più pesanti e le più complesso, con cui in questa sezione, scegliamo quello che scegliamo, non dovremmo preoccuparci. Google incorpora il Snapdragon 845 accanto all'adreno 630 e 4GB di Ram. D'altra parte, l'iPhone XS Max ha il chip, proprio di Apple, A12 Fusion. Al momento della stesura di questo confronto, non esiste un processore più potente di quelli menzionati.

Fotografia

Siamo di fronte a una delle sezioni più importanti del mercato senza dubbio. Il Google Pixel 3 XL incorpora a Sensore da 12,2 megapixel con apertura f/1.8. Nel frattempo, il dispositivo Apple ha un doppio sensore verticale di 12 megapixel e apertura f/1.8. Entrambi i sensori sono un punto di riferimento nella fascia alta e a nessun utente mancherà una fotocamera professionale del valore di migliaia di euro. Hanno anche la possibilità di registrare in 4K a 6Ofps.

Software: iOS vs Android

È la sezione più critica e quella che dipenderà dall'acquisto dell'una o dell'altra. Il dispositivo della mela morsicata ha l'ultima versione di iOS 12, mentre Google Pixel 3 ha Torta 9.0 per Android. Qui dipenderà dai gusti e dalle preferenze, se hai più o meno familiarità con ciascuno di questi sistemi operativi mobili. iOS, come sempre, punta su un'interfaccia pulita e semplice e, come sempre, poco personalizzabile. Intanto, Torta Android È un sistema operativo aperto, moderno e personalizzabile al servizio dell'utente.

Batteria e connettività

Entrambi i dispositivi hanno una capacità a priori accettabile per un giorno di utilizzo. Il Google Pixel 3 XL incorpora 3450 mAh che preannuncia un giorno e mezzo di utilizzo e l'iPhone XS Max ne monta uno 3179 mAh. La riduzione dell'amperaggio non è sorprendente poiché la gestione della batteria nei due sistemi operativi è diversa.

Per quanto riguarda connettività i due dispositivi sono molto completo e hanno il meglio e il massimo sul mercato in termini di questa sezione: NFC, Bluetooth 5.0, eSIM ecc. Sottolinea qui l'incorporazione dell'eSIM, segno che la fascia alta inizierà a includerlo nei prossimi anni senza dubbio e inizierà a essere una tendenza.

Prezzo e conclusioni

El iPhone XS Max ha un prezzo di partenza di 1259 Nella sua versione da 64 GB, può raggiungere i 1659 euro nella sua versione da 512, qualcosa che ci sembra pazzesco. Il terminale Apple può già essere acquistato in Spagna dal 21 settembre. Il Pixel 3 XL, senza restare indietro nel prezzo, non raggiunge una cifra troppo esorbitante e cioè che possiamo acquistarlo da 949 euro nella sua versione da 64GB. L'handicap principale è che dovremo aspettare il 2 novembre per arrivare nel nostro Paese.

In conclusione, ci troviamo di fronte a due grandi terminali nel panorama dei telefoni cellulari di oggi. Tuttavia, la differenza nel sistema operativo ci farà optare per l'uno o l'altro a causa di quanto siano estremamente diversi. Ad ogni modo, ciò che è innegabile è che questo Pixel 3 XL e iPhone XS Max sono i migliori di fascia alta e pochissimi terminal lo raggiungono.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.