Questo è il nuovo Huawei Y7, un cellulare di fascia media con un grande schermo

Huawei continua ad ampliare il suo catalogo. Il marchio ha presentato quest'anno alcuni telefoni per la sua gamma di fascia alta, come ad esempio la famiglia Huawei P10. Ma Huawei non trascura il resto delle sue gamme e continua a scommettere pesantemente sulla fascia media. La raggiunge direttamente l'Huawei Y7, un terminale con un grande schermo, un prezzo abbastanza contenuto e specifiche più che accettabili per la maggior parte degli utenti.Il nuovo Huawei Y7 arriva con una scocca in metallo e un design abbastanza tradizionale, senza grosse modifiche rispetto a quello a cui siamo abituati. Lo schermo è 5,5 pollici con risoluzione HD e protezione 2.5D sullo schermo. Dentro, un processore Qualcomm Snapdragon 435 con clock a 1.4 GHz con a 2 GB di RAM e uno storage di 16 GB con la possibilità di espanderlo tramite microSD fino a 128 GB.

Huawei Y7

Il telefono funziona con batteria da 4.000 mAh, uno dei suoi punti di forza, che vi permetterà un'autonomia più che sufficiente e vi permetterà di arrivare a fine giornata con un consumo abbastanza notevole. A seconda del marchio, fino a 20 ore di autonomia per guardare video e fino a 15 ore di autonomia per navigare con il telefono, anche se dipenderà dalla situazione di ciascun dispositivo e dall'uso effettivo che ha. Il telefono arriva con Android 7.0 Torrone come sistema operativo di output con il livello personalizzato di Huawei, EMUI.

Huawei Y7

Per quanto riguarda la sua attrezzatura multimediale, per ora non sono note tutte le specifiche delle fotocamere, ma la fotocamera principale avrà un sensore da 12 megapixel per la fotocamera posteriore e la fotocamera frontale avrà un sensore da 5 megapixel.

Al momento Huawei non ha rivelato quale sarà il prezzo del terminale o quando sarà disponibile. Dovremo aspettare ancora un po' per conoscere questi dettagli, anche se si sa che arriverà tra tre versioni di colore: grigio, oro e argento

Huawei Y7


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.