Google Allo e Google Duo, i nuovi rivali di WhatsApp

Google Duo multipiattaformaHangouts doveva essere l'offerta di Google per competere con WhatsApp, giusto? Ebbene, oggi Google ha presentato due nuove applicazioni di messaggistica che in realtà diventeranno una sola. Due nuovi servizi. Google Allo e Google Duo. L'obiettivo di Google, ancora una volta, è competere con WhatsApp, per l'ennesima volta, cosa che sembra del tutto impossibile. Tuttavia, forse un giorno lo faranno. Per ora, Google Duo, ad esempio, offre un'opzione interessante.

Google Allo, parlare in modo intelligente

Quasi l'intero evento di Google ha ruotato attorno a piattaforme intelligenti e partecipanti nelle diverse app e con diversi servizi. Google Allo si basa anche su questo. Sì, è un'app di messaggistica. Possiamo inviare messaggi e foto, persino disegnare su una fotografia prima di inviarla. Ma oltre a tutto ciò, l'app sarà anche intelligente. Ad esempio, se riceviamo una foto di un cane, suggerirà messaggi come "Che carino" o "Che carino". Se inviamo una foto di un pasto, suggerirà di inviare la posizione del ristorante al nostro contatto. Sarà collegato all'Assistente Google e l'obiettivo sarà che l'app di messaggistica sia intelligente e ci risparmi il lavoro. Questa è l'idea, ovviamente, in seguito sarà necessario vedere se possono davvero competere con un'app con tanti utenti quanti WhatsApp. Con Hangouts non ci sono riusciti e sembra complesso che ci riusciranno con Google Allo.

Google Allo Duo

Google Duo, l'app per le videochiamate

Insieme a Google Allo arriverà Google Duo, che non è altro che una piattaforma per effettuare videochiamate. Ma si basa sulla semplicità. L'idea è che l'app sia leggera e che le videochiamate non utilizzino tanti dati quanto le altre app, in modo che possiamo usarle senza paura di consumare l'intera velocità di dati che abbiamo contratto. Se Google Duo mantiene davvero ciò che promette, potrebbe essere una buona opzione.

Sia Google Allo che Google Duo arriveranno quest'estate sotto forma di app per Android e iOS e sarà allora quando vedremo se saranno davvero rivali di WhatsApp o meno.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.