Il primo Xiaomi ad essere lanciato a livello internazionale

Xiaomi Redmire 2Xiaomi lancerà i suoi smartphone a livello internazionale. In realtà, non è una novità, perché è qualcosa di cui si parla da molto tempo. Adesso però sembra chiaro che almeno due cellulari verranno lanciati negli Stati Uniti, e da lì arriveranno anche in Europa. Questi saranno i telefoni Xiaomi che verranno lanciati a livello internazionale.

Due smartphone Xiaomi

Saranno due gli smartphone Xiaomi che verranno lanciati a livello internazionale. Dopo questi telefoni Xiaomi, ne verranno lanciati altri, ma per ora saranno questi due a raggiungere il mercato. Lo sappiamo perché questi due smartphone sono stati certificati dalla FCC americana, confermando che verranno effettivamente lanciati negli Stati Uniti. Si tratta dello Xiaomi Mi 4 e dello Xiaomi Redmi 2 Pro. Due smartphone che, in realtà, non sono una novità. Lo Xiaomi Mi 4 è il fiore all'occhiello dell'anno scorso. Lo Xiaomi Mi 5 potrebbe essere lanciato già la prossima settimana, quindi è molto chiaro che lo Xiaomi Mi 4 sia uno smartphone abbastanza vecchio.

Xiaomi Redmire 2

Il case dello Xiaomi Redmi 2 Pro è simile. È uno smartphone di gamma base, ma con caratteristiche tecniche di livello superiore, essendo la versione Pro, quindi potremmo considerarlo un cellulare di fascia media. Tuttavia, la verità è che è una fascia media di molti mesi fa. La prossima settimana, infatti, l'azienda presenterà anche lo Xiaomi Redmi Note 2 Pro, un cellulare di fascia media, ma con caratteristiche davvero notevoli.

Quindi, sono cellulari che, sebbene siano interessanti, non sono cellulari al livello dei nuovi smartphone di fascia alta e di fascia media di Xiaomi. Naturalmente, il prezzo a cui verranno lanciati è quello che sarà decisivo. Se sono economici, potrebbero comunque essere ottime opzioni, anche se quello che stiamo davvero aspettando è che i telefoni cellulari vengano lanciati alla stessa velocità con cui li lancia Xiaomi. Poi, inoltre, dovranno raggiungere l'Europa, e ciò potrebbe richiedere ancora qualche mese.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.