Avvia due app contemporaneamente in multi-finestra su Android 7.0 Nougat

tutorial AndroidSe hai un cellulare con Android 7.0 Torrone Una delle funzioni che ha nativamente il sistema operativo del tuo cellulare è quella di poter visualizzare due applicazioni in multi-finestra, una delle quali occupa metà dello schermo. Bene, con questo trucco puoi lanciare contemporaneamente entrambe le applicazioni sullo schermo.

Due app contemporaneamente in multi-finestra

No, con questo trucco non otterrai due applicazioni da vedere sullo schermo contemporaneamente. Vedrai, ma in realtà è una funzionalità già incorporata Android 7.0 Torrone. Tuttavia, per poter vedere due app contemporaneamente sullo schermo, devi prima eseguire un'applicazione e poi eseguire l'altra in modalità multifinestra. Non è un processo complesso, ma possiamo facilitarlo e renderlo ancora più semplice grazie all'applicazione Screens, con la quale possiamo eseguire queste due applicazioni contemporaneamente in modo che vengano lanciate sullo schermo contemporaneamente.

Trucchi Android con cacciavite

Schermi

L'idea è davvero semplice. Invece di avviare una singola applicazione quando si fa clic sull'icona, vengono avviate due app contemporaneamente. Uno occupa metà dello schermo e l'altro occupa l'altra metà. L'unica cosa necessaria è che Schermi, che è la nostra app in questione, si occupa di creare icone che, se cliccate, eseguono le due applicazioni, invece di una. Non è affatto complesso e infatti abbiamo già molte possibilità simili, poiché in molti casi è possibile creare collegamenti sul desktop a determinate funzioni di un'applicazione. Così come le scorciatoie ci portano, ad esempio, a una conversazione WhatsApp o alla scrittura di una nuova email in Gmail, possono anche eseguire due app contemporaneamente in modo che possiamo vederle sullo schermo contemporaneamente.

Ovviamente sarà necessario disporre di un cellulare compatibile con la funzione Multi-finestraCome faranno quelli che hanno Android 7.0 Torrone.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.