Leggilo dopo diventa Pocket

Più applicazioni puntano alla moda dei cambiamenti radicali, a tal punto da diventare un'applicazione diversa. Fa lo stesso, sì, ma è diverso. Questo è il caso di Leggilo più tardi, un'applicazione che permetteva agli utenti di salvare le notizie e le pagine trovate su Internet per leggi dopo, Come indica il nome. Ora, si chiama Pocket. E cosa fa? Bene, consente agli utenti di salvare le notizie e le pagine che trovano su Internet per leggerle in seguito. Sì, esattamente lo stesso, ma con un nuovo designe alcune funzionalità aggiuntive.

Troppo bruciato. Ecco come i ragazzi di Leggilo più tardi questa era la sua applicazione, dal momento che hanno deciso di dargli una riprogettazione completa, ma al marchio completo. L'interfaccia, i colori principali, lo stile e persino il logo, hanno subito un processo di estrema metamorfosi, diventando il nuovo Pocket.

Poco si può dire Pocket non è già stato detto prima Leggilo più tardi. Quando navighiamo in Internet dal nostro cellulare, molte volte troviamo pagine che non lo fanno possiamo leggere in quel momento, perché siamo in movimento, in movimento, ma vogliamo poterlo rivedere in seguito. Oppure, vogliamo mantenere una pagina, per leggerla in seguito, ma sappiamo che non avremo una connessione, per determinati motivi, in quei casi Pocket diventa anche un'applicazione molto utile.

Ora, troviamo un interfaccia completamente rinnovata, che ha scommesso di evolversi prima di morire. Ce ne sono molti altri che erano venuti per competere, come Readability, che è arrivato calpestando. A mio parere, è un'ottima decisione da parte del team di sviluppo di Pocket, che potrebbe rilanciare il suo servizio tra gli utenti. Inoltre, ha aggiunto alcune funzioni extra che non avevamo prima, come la classificazione dei contenuti tramite filtri, che ci consente di "curare" i contenuti, nuove opzioni di configurazione e una sincronizzazione più rapida.

In ogni caso, è meglio provarlo, e si può già fare gratuitamente scaricandolo da Google Play, dal momento che ora hanno un'unica versione gratuita, non come prima, avevano una versione Pro e una gratuita.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.