Magisk smetterà di funzionare sui telefoni Huawei

HuaweiMasik è l'applicazione principale utilizzata oggi per tutto ciò che ha a che fare con il rooting e la modifica di un telefono. Huawei bloccherà il suo utilizzo in una delle tue prossime OTA, evitando il modo più semplice per eseguire il root di un cellulare al giorno d'oggi.

Magisk smetterà di funzionare sui telefoni Huawei: addio root

Magisk è l'applicazione a cui devi andare oggi se vuoi eseguire il root del tuo cellulare o installare un modulo che ti permetta di modificare alcuni aspetti del tuo terminale. In breve, è una cassetta degli attrezzi all-in-one che di solito si distingue perché funziona quasi sempre. I telefoni cellulari che si stanno aggiornando ad Android Pie continuano a usarlo senza problemi e la sua efficienza è stata dimostrata negli ultimi anni. Se vedi uno sviluppo di root, è probabile che sia installato come modulo per questa applicazione.

Tuttavia, il rooting e le rom personalizzate non sono un piatto di buon gusto per tutte le aziende. Ecco come lo stiamo vedendo di recente in Huawei, che sta prendendo alcune decisioni che infastidiscono la comunità che ama di più armeggiare con Android. In questa occasione, uno degli sviluppatori di Magisk ha riferito che uno dei prossimi aggiornamenti OTA dell'azienda cinese bloccherà l'installazione di Magisk sui dispositivi. Accompagna questa affermazione suggerendo che potrebbe essere il momento di iniziare a ignorare completamente il marchio nei tuoi sviluppi.

Una decisione slipstream per evitare di sbloccare il bootloader

Questa decisione non è sorprendente considerando che non molto tempo fa Huawei chiuso la porta per sbloccare il bootloader sui dispositivi del tuo marchio. Lo sblocco del bootloader è ciò che consente l'accesso a più parti del cellulare e il root, potendo acquisire il controllo completo su ciò che viene fatto con esso. Il marchio cinese lo ha permesso senza troppi problemi, ma ha finito per cambiare idea e ha chiuso questa strada. Con bloccaggio Magisk, questa guerra contro la radice infuria a passi da gigante.

Magisk smetterà di funzionare sui telefoni Huawei

Intanto, e dallo stesso paese di origine, abbiamo il presentazione Pocophone F1 in cui Piccolo, la società di Xiaomi, ha affermato che avrebbe supportato gli sviluppi della comunità e consentito l'installazione di AOSP e ROM personalizzate, oltre a sbloccare il bootloader senza complicazioni. Due approcci totalmente diversi che parlano di come funziona la conversazione tra azienda e utenti e che aspetto ha il root a seconda dell'azienda di cui stiamo parlando.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.