Meizu Pro 7: titanio, 8 GB di RAM, schermo 4K, è un vero cellulare?

Per Meizu 7Sono queste le caratteristiche che avrà il Meizu Pro 7, in teoria, secondo le ultime informazioni. Se analizziamo ognuna di esse, potremmo dire che è impossibile per uno smartphone avere queste caratteristiche, perché migliorerebbe tutte le altre presenti sul mercato. Ma sembra che, in effetti, queste saranno le caratteristiche del nuovo Meizu Pro 7.

Per Meizu 7

Ciò che è chiaro è che il nuovo Per Meizu 7 Sarà Pro per davvero. Ed è che alcune delle funzionalità che non saranno state presenti prima in nessuno smartphone. Questo è il caso del design in titanio, che migliora i design in alluminio che avevamo visto finora e solleva un'altra opzione diversa dalla ceramica per il livello premium. Ma non sarà l'unica caratteristica notevole del cellulare. E sembra che la versione di livello più alto avrà un 8 GB di RAM e un Memoria interna da 128 GB. Ci saranno anche varianti con 64 GB di memoria e 6 GB di RAM, e fino a 4 GB di RAM, ma in ogni caso raggiungere quel livello è impressionante, e il tutto con un prezzo che non supererà i 600 euro nella versione più costosa.

Per Meizu 7

Oh certo, e non possiamo dimenticare lo schermo. Raggiungerà i 5,7 pollici, con una risoluzione che non sarà né Full HD, né Quad HD, ma diventerà 4K. Sarà uno dei primi schermi che funzionerà sempre in 4K. Una vera novità.

Ci sono altri dettagli che non sono così notevoli a causa del fatto che il suddetto lo lascerebbe come uno dei migliori smartphone sul mercato. Ma anche così, va detto che il sensore della tua fotocamera avrebbe pixel da 1,4 micron, quindi sarebbe una fotocamera di alta qualità, con un sensore Sony da 12 megapixel. Probabilmente lo stesso di Google Pixel. E tutto questo con un processore MediaTek Helio X30, 10 core.

Un vero smartphone di altissimo livello. Diventerebbe senza dubbio una delle migliori opzioni per chi cerca un prodotto di fascia alta, a un prezzo relativamente economico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.