Pokémon GO ci rende meno sedentari

PokeballI videogiochi non vanno bene per essere sedentari, o almeno non lo sono stati nel corso degli anni. Ci fanno passare più tempo in casa e ci rendono più sedentari. Ma ovviamente ciò non può essere applicato al gioco più rivoluzionario degli ultimi tempi, Pokémon GO. Un gioco capace di renderci meno sedentari.

Pokémon GO

Pokémon GO era già un gioco rivoluzionario. Era perché finalmente un gioco Nintendo, un vero gioco, stava arrivando sugli smartphone. Rivoluzionario anche perché nasce da un'idea che nasce da una divisione di Google. Rivoluzionario anche perché funziona attraverso la realtà aumentata. E in generale è un gioco che ha avuto successo in passato ed è diventato quasi una realtà grazie agli smartphone. Per tutto ciò è rivoluzionario. Ma ora va anche notato che è un gioco capace di renderci meno sedentari. Lo dimostrano i dati che provengono dalle aziende che dispongono di dispositivi che monitorano l'attività fisica degli utenti. Jawbone, ad esempio, sta registrando un picco di attività del 63% in più rispetto alle stagioni precedenti. Ma lo stesso vale per Fitbit e co. Gli utenti camminano di più grazie a Pokémon GO durante la cattura di Eevee e altri personaggi..

Pokeball

Stava già accadendo con Ingress

La realtà, quella che ha testato Ingress, il gioco di Google, ne capisce il motivo. A quel tempo dovevi muoverti per la città, di nodo in nodo, cercando di conquistarla e di aggiungerla alla tua fazione. Pokémon GO è più semplice e allo stesso tempo è più popolare. Come gioco, è nato con l'obiettivo di catturarli tutti. Ed è quello che dobbiamo ottenere nel gioco mobile, catturarli tutti. I Pokémon sono per strada, dove il il tempo influenza Pokémon GO e il suo funzionamento. Dobbiamo uscire, camminare e localizzarli. Quindi potrebbe essere uno di quei giochi che, lungi dal diventare sedentari, ha proprio l'effetto opposto. Vedremo, sì, quanto durerà questo effetto di Pokémon GO e se perderà presto popolarità.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.