Come rispondere ai messaggi su WhatsApp in modo automatico e personalizzato

freccia di whatsappcome messaggi su WhatsApp Sono liberi, c'è chi non sa distinguere che non è un buon momento o, tra l'altro, si arrabbia perché non rispondiamo al minuto. Tutto ciò che può essere risolto, sia evitando di essere disturbati che lasciando i messaggi senza risposta, se configuriamo il nostro cellulare per rispondi automaticamente ai messaggi su WhatsApp.

Non è l'unico, ma è il più nuovo e quello che crediamo abbia un futuro migliore in questo compito di rispondere automaticamente ai messaggi. Abbiamo scelto per questo tutorial di consigliare il App in trasferta che ci permetterà di configurare messaggi liberi a cui rispondere, anche con messaggi personalizzati.

Come configurare i messaggi automatici per rispondere su WhatsApp

Come abbiamo indicato, la prima cosa da fare è scaricare questa app gratuita su Google Play. In modo che tu non debba andare in giro troppo, lasciamo il tuo link qui sotto:

Away - App di risposta automatica
Away - App di risposta automatica
Sviluppatore: Pane abbrustolito
Prezzo: Gratuito

Non appena lo apriremo, troveremo il diverse opzioni offerte. Possiamo personalizzare il testo di risposta automatica ma possiamo anche avere un messaggio non solo per ciascuno dei nostri contatti o elenchi, ma anche se riceviamo un determinato messaggio specifico possiamo avere una risposta personalizzata per quella situazione.

schermo lontano

È anche possibile stabilire elementi come il tempo di risposta che vogliamo dargli - nel caso in cui vogliamo dare tempo a chi risponde e non al sistema -, è possibile stabilire un tempo in cui l'app si connette e si disconnette, ha una modalità di guida che può essere attivata automaticamente quando siamo in macchina per evitare quella persona che non smette di inviare messaggi e che può distrarci, e possiamo bloccare l'applicazione in modo che non si disconnetta fino a quando mettiamo uno spillo, un motivo o un'impronta digitale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.