Schemer, l'app di Google per organizzare la tua vita, apre al pubblico

Nel loro tempo libero, un gruppo di ingegneri di Google ha creato un'applicazione per pianificare le nostre vite. In combinazione con Google+, suggerisce piani da fare a casa o fuori in base a ciò che stanno facendo o faranno i tuoi amici. Si chiama Schemer ed è appena uscito dalla sua beta privata.

L'hanno pubblicato lo scorso dicembre ma solo su invito. Ma ora Schemer è su Android (preparano anche una versione per iOS) e aperto al pubblico. Anche se non è ancora in spagnolo, funziona perfettamente. Quello che fa Schemer è, dopo aver completato il tuo profilo, andare proponendo possibili piani per tutta la giornata. Bene, semplifica il tuo lavoro selezionando le cose che ti interessano per categorie. Ci sono ristoranti, bellezza, libri, cucina, vita notturna, bricolage o televisione, tra molti altri.

Quando lo esegui, puoi chiedergli piani da fare a casa o vicino a te. Utilizzo del tuo profilo social su Google+ e tutte le informazioni memorizzate nel motore di ricerca ti mostrano cosa stanno facendo gli amici che hai in ciascuna delle tue cerchie sul social network di Google.

Schemer ha il suo proprio motore di ricerca per trovare cosa fare. Puoi modificarlo scegliendo la tua posizione o un altro luogo in cui prevedi di andare. La seconda parte dell'applicazione è più proattiva. Puoi scrivere un piano che vuoi realizzare, dalla cottura di una torta alla visita dell'Alhambra, e pubblicarlo. Oltre a poter vedere i tuoi amici, il nuovo piano si aggiunge all'elenco di Schemer. è come un mix tra un diario sociale, Evernote e Foursquaree.

I test che ho effettuato lo scorso fine settimana mi hanno mostrato che sono in pochi a utilizzarlo ancora nel mio luogo di residenza. Mi ha suggerito cose che alcuni stavano facendo ma a centinaia di chilometri di distanza. Ma, con il supporto di Google, Schemer può diventare un buon organizzatore della nostra vita.

Schemer su Google Play

Maggiori dettagli sul servizio nel tuo Sito Ufficiale


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.