WhatsApp abilita la crittografia end-to-end per tutti gli utenti

errore di sicurezza whatsapp nei gruppiWhatsApp è arrivata a includere una novità nella sua applicazione, in tutte le versioni della sua applicazione, e che si applicherà a tutti gli utenti che utilizzano tale app. Stiamo parlando di crittografia end-to-end. La novità è che non è qualcosa che deve essere attivato, ma WhatsApp proverà per impostazione predefinita che tutte le conversazioni e i gruppi siano crittografati in modo che possano essere letti solo dagli utenti partecipanti.

WhatsApp

WhatsApp lancia una novità per la sua applicazione che raggiungerà tutti gli utenti e tutte le versioni dell'app. Non solo alla Beta, ma anche alla versione disponibile su Google Play e ovviamente alla versione disponibile su altre piattaforme, come l'app iOS. Si tratta di crittografia delle conversazioni end-to-end. Ciò significa che solo gli utenti che inviano e ricevono messaggi nelle conversazioni o nei gruppi possono vedere quei messaggi. Questi sono crittografati, viaggiano crittografati attraverso i server WhatsApp e attraverso Internet e vengono decrittografati quando ricevuti dall'utente o dagli utenti che ricevono il gruppo in questione. Grazie a questo, possiamo inviare messaggi in modo confidenziale.

WhatsApp

Per confermare che la crittografia end-to-end è attivata, non ci resta che accedere a una finestra di chat, fare clic sul nome del contatto o del gruppo per visualizzarne le informazioni, quindi selezionare Crittografia. Ora confronta questi dati con quelli dell'utente della chat che hai selezionato, o con uno degli utenti del gruppo che hai selezionato. I 60 numeri dovrebbero essere gli stessi. E anche il codice QR, che puoi scansionare da quella stessa sezione.

Se il codice non è lo stesso, probabilmente hai commesso un errore e i numeri non corrispondono, è che hai scelto una chat che non è quella dell'altra persona con cui stai confrontando il numero. Una novità che ora arriva su WhatsApp per tutti gli utenti e per tutte le versioni.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.