WhatsApp potrebbe lanciare una versione per Windows e Mac

Copertina con logo WhatsAppGrandi notizie appaiono intorno all'app che è già diventata uno dei media più utilizzati oggi, WhatsApp. Ed è che il team di sviluppo dell'app potrebbe lavorare su una versione per Windows e Mac. Questa versione, inoltre, avrebbe una rilevanza molto speciale perché potrebbe significare qualcosa di più del semplice lancio di una versione per desktop.

WhatsApp su Windows e Mac

La possibilità che WhatsApp raggiunga Windows e Mac con una versione ufficiale si rafforza dopo che sulla piattaforma di traduzione sono apparse alcune frasi che hanno senso solo se verrà davvero lanciato un nuovo client desktop per Windows e Mac. Nello specifico queste frasi dicono "Download for Windows" e anche "Windows o Mac?" Ci portano a pensare che, infatti, WhatsApp lancerebbe presto dal proprio sito la possibilità di scaricare un client desktop con cui chattare su WhatsApp senza dover utilizzare la versione web finora non completa.

Copertina con logo WhatsApp

Sarà una versione standalone?

Tuttavia, la grande novità di questa notizia sarebbe che l'arrivo di un client desktop per Windows e Mac potrebbe significare l'arrivo dell'autonomia per l'applicazione. Cioè, non sarebbe necessario ed essenziale utilizzarlo dal cellulare, o essere connesso al cellulare, come ora avviene con WhatsApp Web, ma potremmo anche usare l'app dal computer, anche se perdiamo il cellulare , l'hai dimenticato o è diventato ha esaurito la batteria.

Per questo WhatsApp dovrebbe fare un passo in avanti creando anche una piattaforma in cui gli utenti possano accedere in qualche modo, e che sia indipendente dal nostro smartphone. Questa è stata considerata una possibilità da tempo, e sarebbe la più logica considerando il gran numero di utenti che utilizzano l'app e che vorrebbero poterla utilizzare dal proprio computer o Mac senza dover sempre dipendere dal cellulare .

Vedremo se presto WhatsApp annuncerà novità riguardo a queste versioni per Windows e Mac.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.