WhatsApp ora può essere protetto con un'impronta digitale, ecco come si fa

È arrivato per la prima volta su iPhone e ora è finalmente disponibile su Android. L'applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo, ovvero WhatsApp, finalmente ci dà la possibilità di proteggere le nostre chat e le nostre conversazioni con le impronte digitali. Un'ulteriore misura di sicurezza per prenderci cura della nostra privacy che, sebbene potessimo sfruttarla prima grazie a terze parti, è già una funzione nativamente integrata.

In precedenza gli utenti dovevano utilizzare applicazioni di terze parti per proteggere le proprie chat da WhatsApp. Almeno, quando volevano farlo sfruttando l'hardware di sicurezza biometrica; ovvero il sensore di impronte digitali integrato nei tuoi smartphone. Ora, tuttavia, è una funzionalità integrata in modo nativo. Pertanto, possiamo configurarlo direttamente dall'applicazione ufficiale di WhatsApp per dispositivi mobili Android. Ma come lo fai? Te lo spieghiamo passo dopo passo, così puoi farlo sul tuo telefonino.

Più privacy: le tue chat WhatsApp dopo l'impronta digitale

La prima cosa è aggiornare l'applicazione WhatsApp all'ultima versione disponibile nel Google Play Store; e poi lo apriremo sul nostro dispositivo. Una volta aperto faremo clic sull'angolo in alto a destra per aprire il pannello di impostazioni dell'applicazione. E all'interno delle impostazioni, accederemo alla sezione corrispondente alla configurazione di Privacy, dove sono presenti altre funzioni come, ad esempio, la disattivazione della doppia spunta blu.

Una volta qui troveremo nel menu l'opzione di "Blocco delle impronte digitali". Faremo clic qui per accedere alle opzioni specifiche di questa funzione e la prima cosa, ovviamente, sarà activar il blocco di WhatsApp tramite impronta digitale in modo che poi, dopo aver confermato la nostra impronta digitale, compaiano tutte le possibilità. È ora che possiamo scegliere se i contenuti dei nostri messaggi devono apparire o meno nell'anteprima delle notifiche e quanto tempo occorre per richiedere l'impronta digitale.

Cioè, possiamo scegliere che l'applicazione venga bloccata automaticamente con un'impronta digitale all'istante, non appena smettiamo di usarla, o successivamente 1 minuto o anche un massimo di minuti 30. In questo modo, se siamo nel mezzo di una conversazione, aprendo e chiudendo l'app in brevi intervalli di tempo, l'applicazione non andrà in crash e non dovremo utilizzare costantemente l'impronta digitale per permetterci di continuare con le nostre conversazioni nel modo che abbiamo fatto finora.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

  1. Responsabile dei dati: Actualidad Blog
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.