La privacy delle chiamate su WhatsApp lascia molto a desiderare

La arrivo di chiamate all'applicazione WhatsApp Era qualcosa che ci si aspettava da molto tempo in modo che, in questo modo, lo sviluppo eguagliasse le opzioni che alcuni dei suoi concorrenti offrivano sul mercato. Ebbene, da quello che sembra la privacy che offrono quelle non è la migliore possibile.

È stato condotto uno studio (assunto come rapporto forense) a cui hanno partecipato membri delle università di Brno e New Haven. In esso è stato scoperto che alcuni dati delle chiamate effettuate con WhatsApp potrebbero essere conosciuti da terzi e persino dall'azienda stessa perché la sua protezione non è molto alta. Così, i dati personali sarebbero esposti che non è esattamente una buona notizia.

Il caso è che è stata creata un'applicazione a riga di comando con la quale è stato possibile forzare il protocollo Opus che viene utilizzato quando si effettuano chiamate con l'applicazione e, in questo modo, conoscere il IP del server utilizzato e così ho spazi di accesso ai dati (sì, le conversazioni non sono interessate in quanto tali). Il fatto è che da quello che sembra la sicurezza non è la migliore possibile e, quindi, la privacy è compromessa come è stato rivelato.

Interfaccia chiamate WhatsApp

Cosa si potrebbe sapere

Secondo lo studio che è stato pubblicato, accedendo sia ai dati che si hanno sul server stesso sia sui terminali degli utenti -attraverso questo-, è possibile stabilire sia il durata della chiamata che è stato fatto, il che non è particolarmente grave, e anche il numero con chi hai parlato. Questo è già più delicato, perché è così possibile conoscere i numeri che si hanno e se il contatto con qualcuno di essi è abituale e continuato attraverso l'utilizzo della funzionalità WhatsApp. Un potenziale problema per molti.

Chiamate WhatsApp

Vedremo se la vulnerabilità o la falla di sicurezza che è stata scoperta in WhatsApp è davvero grave e se l'azienda deve prendere misure importanti (Alcune assicurazioni che valgono, come è logico pensare). Inoltre, gli stessi creatori dello studio hanno indicato che inizieranno con i loro test in altri sviluppi simili per sapere se questo riguarda anche loro. La verità è che la privacy, essendo una questione capitale, non è esattamente la più attenta con le applicazioni per dispositivi mobili.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

6 commenti

  1.   anonimo suddetto

    Non sono preoccupato, in Spagna le chiamate da rete dati sono limitate, possono essere fatte ma solo la persona che stai chiamando ascolta ma non ti annusa. E poiché le chiamate ci sono tariffe illimitate per 11 euro o meno, non sono preoccupato di chiamare senza dati o fiwi


    1.    John suddetto

      Ebbene, parlo costantemente con la mia azienda su WhatsApp, sia via dati che via Wi-Fi...
      Non è per niente coperto...
      E per 6€ al mese, con 1 Gb di dati... dai, non so cosa vuol dire parlare in rete voce...
      Inoltre, la definizione del suono attraverso la rete dati è spettacolare...


      1.    anonimo suddetto

        e che compagnia hai? perchè sia per yoigo, come per vodafone, movistar, orange e tuenti sono cappucci, lo so perchè sono un tecnico in ono-vodafone ed è un accordo raggiunto dalle grandi aziende per coprire questo servizio visto che hanno perso una grossa somma di denaro


      2.    Raul suddetto

        e che compagnia hai? perchè sia per yoigo, come per vodafone, movistar, orange e tuenti sono cappucci, lo so perchè sono un tecnico in ono-vodafone ed è un accordo raggiunto dalle grandi aziende per coprire questo servizio visto che hanno perso una grossa somma di denaro


  2.   Ana suddetto

    Android


    1.    Raul suddetto

      Se scopri un po' prima di parlare, sapresti che non ha nulla a che fare con il fatto che sia Android, iOS, Windows… .. ma con la compagnia telefonica